Investire in un sito di vendita on-line?

07 MAG 2012

Non sono trascorsi molti anni dallo sviluppo di sistemi di e-commerce all’avanguardia per quanto riguarda sia le proprie funzioni tecniche, che l’accessibilità economica nei confronti dei budget delle aziende venditrici – siano queste realtà più piccole e familiari oppure grandi marchi – le quali hanno puntato sulla realizzazione di siti di vendita on-line o per convertire la propria azienda, oppure per incrementarne il fatturato.

Grazie allo sviluppo open source del linguaggio php ed alla nascita di piattaforme CMS come – in primis – Magento e Joomla, si è resa possibile la creazione di piattaforme di commercio elettronico dinamiche, senza limiti di inserimento prodotti e dalla grafica accattivante. Un ruolo fondamentale lo ha rivestito senza alcun dubbio l’aspetto culturale: infatti, negli ultimi anni la condivisione delle idee, dei pensieri e delle opionini tra gli utenti web – dai più giovani ai più grandi – ha contribuito notevolmente ad accrescere la fiducia negli acquisti on-line, avvicinando al commercio elettronico anche quei soggetti che fino a poco tempo prima nutrivano sospetti e dubbi.

Naturalmente, non tutti i siti di vendita on-line sono seri, sicuri e affidabili, ma proprio grazie all’enorme sviluppo dei social networks ed all’importanza del passaparola on-line diventa sempre più difficile – fortunatamente – incappare in siti “truffa”.

In questo blog abbiamo toccato più volte il settore del commercio elettronico – parlando della crescita esponenziale che ha registrato in Europa ed in particolare in Italia negli ultimi anni. Oggi vogliamo parlare dei buoni motivi per cui conviene investire in questo settore, partendo sempre dagli utlimi dati ufficiali trovati in rete.

Investire in un sito di vendita on-line?
Si….Perchè….

1) Aumenta il Fatturato: In base ai dati forniti dallo studio Casaleggio Associati – che ha preso in esame più di 3.000 aziende sul territorio italiano – il mercato della vendita on-line dal 2004 al 2011 ha registrato un incremento del fatturato di circa 14.357 miliardi di euro, di cui il 43% solo nell’ultimo anno.
Anche nei primi mesi del 2012 il trend è stato molto positivo – si registra infatti un ulteriore crescita, per i settori sotto indicati, pari a circa il 32%.

2) E’ più Economico: Secondo i dati e le interviste raccolte, sempre più italiani decidono di acquistare on-line perchè è più conveniente da tutti i punti di vista: lo stesso prodotto può essere confrontato in più store e ciò permette di scegliere il più economico. Ma il risparmio non è solo legato al prezzo che si va a pagare, ma anche al tempo: è difatti possibile visitare contemporaneamente più negozi on-line che sarebbero difficilmente raggiungibili in tempi brevi nel “mondo reale”, ed inoltre si possono sfogliare migliaia di prodotti in modo veloce, comodo e trovando tutte le informazioni dettagliate che si desiderano.

3) Le PMI (Piccole e Medie Imprese) presenti nell’on-line crescono di più di quelle presenti solo nell’off-line. Secondo il report pubblicato da fattoreinternet.it,  le PMI che possiedono una propria vetrina on-line registrano tassi di crescita superiori alle altre: la presenza on-line – associata naturalmente ad attente e puntuali campagne di web marketing – permette infatti di raggiungere un pubblico ed un mercato più vasto:

  • Non ci sono vincoli e/o impedimenti dovuti alla localizzazione geografica: anche all’interno della stessa città è infatti possibile raggiungere un target di potenziali clienti che normalmente non visiterebbero un negozio – per differenti motivi che possono andare dalla distanza dalla propria abitazione o dal luogo di lavoro, fino al traffico che attanaglia le città.
  • Internazionalizzazione: uno negozio on-line può essere raggiungibile e navigabile da qualsiasi paese straniero. Ciò permette di eleborare strategie di marketing studiate ad hoc per raggiungere target di utenti esteri profilati in base al proprio mercato di riferimento. Nel caso specifico del mercato Italiano ciò permette di esportare il Made in Italy.

4) Le Campagne di Marketing funzionano meglio: si lavora per obiettivi. Continuando la lettura dei dati forniti da Fattore Internet, si evince che il settore del web marketing è in forte ascesa. All’interno delle aziende più professionali sono infatti nate nuove figure di consulenti che, grazie ad un capillare lavoro di studio dell’attività commerciale da promuovere, dei prodotti e del target di riferimento da conquistare, possono affiancare il cliente non più come un semplice “fornitore” che vende spazi pubblicitari, ma bensì come un esperto con cui elaborare strategie di marketing finalizzate ad ottimizzare il budget a disposizione in rapporto agli obiettivi da raggiungere. Si va sempre più nella direzione di lavorare per obiettivi, sia per il Posizionamento (Seo) naturale del proprio sito web in Prima Pagina di Google e sia per le Campagne di Web Marketing – come Google Adwords o, nel caso dei social network, Facebook Ads.
Lavorare fianco a fianco con il cliente, stabilendo a priori degli obiettivi, crea maggior fiducia: un cliente che si sente seguito, partecipe e che vede coinvolta attivamente la propria Agenzia di Comunicazione nel lavoro, difficilmente la abbandonerà nel lungo periodo. Lavorare in team responsabilizza sia il cliente – senza il cui apporto non si potrebbero mai centrare gli obiettivi prefissatisi – che l’agenzia – il cui principale interesse commerciale è relativo alla propria crescita, che può realizzarsi contemporaneamente alla crescita dei propri clienti.

5) L’Italia: terreno fertile per lo sviluppo: Le Piccole e Medie Imprese rappresentano più del 90% delle aziende italiane, producono più del 70% del fatturato nazionale e danno lavoro a circa l’80% degli occupati.
Queste ultime vanno divise in tre rami: le imprese che lavorano solo offline, quelle on-line ed ancore quelle on-line attive. Le imprese on-line attive – ossia quelle che nonostante la crisi hanno investito negli ultimi 3 anni nella promozione sul Web – sono quelle che hanno registrato tassi di crescita più elevati e, quindi, un aumento dell’occupazione e del fatturato. Naturalmente la crisi si è fatta sentire per tutti: investire on-line non significa necessariamente aumentare il budget dedicato alla pubblicità ma, in alcuni casi, può significare ri-allocare quello già investito – ed eventualmente addirittura diminuirlo rispetto al passato – ed ottenere maggiori conversioni tramite analisi attente. Inoltre non deve passare in secondo piano il dato, per certi versi sconvolgente, che indica l’Italia come il paese europeo con la maggiore distribuzione sul territorio di smartphone, tablet e dispositivi per l’accesso ad internet.

6) La presenza on-line genera benefici anche nell’off-line: Un negozio che ha una sede fisica sul territorio trae benefici anche dall’on-line: come detto in precedenza, tramite il web marketing è possibile raggiungere un pubblico più vasto – è come essere visti da migliaia di potenziali clienti che passeggiano davanti la vostra vetrina. Non tutti acquisteranno on-line, per quanto interessati: sapere che lo store ha una sede fisica permette da una parte di creare maggior fiducia e sicurezza – e, quindi, di abbattere le paure dei più timorosi – e dall’altra di permettere ai potenziali clienti, che desiderano un rapporto umano, di poter visitare il negozio “reale” con la certezza di trovare il prodotto desiderato.

7) Il Made in Italy: diamo valore alla nostra forza! Inutile negarlo: il Made In Italy ha da sempre generato una grande attrattività nei confronti dei paesi esteri. I prodotti Made in Italy sono universalmente sinonimo di alta qualità: le aziende produttrici che possono sfruttare questo plus commerciale, investendo e traendo beneficio da campagne on-line veicolate su paesi esteri, sono numerose e spaziano dal settore agro-alimentare (si pensi ai prodotti tipici e legati al territorio), che a nostro modesto giudizio è ancora sottovalutato rispetto alle proprie potenzialità, a quello legato al turismo ed all’ospitalità (consideriamo in questo caso sia il piccolo B&B, che il casale in campagna, per giungere fino al grande hotel) fino a quello dell’artigianato e della manifattura  (arredamento, abbigliamento e preziosi).
Una campagna di web marketing può essere targettizzata per paese e lingua…quindi, perchè non farsi conoscere nei paesi più curiosi, economicamente competitivi e culturalmente attivi nell’acquisto on-line? La lista dei motivi validi per investire nel commercio elettronico potrebbe continuare a lungo. Per concludere va però necessariamente detto che “non è tutto ora quel che luccica”: l’on-line è sicuramente il mercato del futuro – e ciò è innegabile – anche se non si deve d’altro canto commettere l’errore di credere che le vendite giungano non appena si “sbarca” sul Web, oppure che basti avere un sito per essere visibili ed aumentare il fatturato.
Il lavoro che una web agency deve affrontare per creare un negozio di commercio elettronico performante tocca molteplici aspetti – web design e web marketing su tutti – pur rimanendo sterile senza il fondamentale apporto del cliente in termini di passione: l’obiettivo deve essere comune e condiviso – il successo – e può essere raggiunto solamente tramite una collaborazione costruttiva e professionale tra azienda e web agency.

Richiedi preventivo

Iscriviti alla nostra newsletter

Vuoi ricevere in anteprima le nostre news su digital marketing e nuove tecnologie? Vuoi essere informato su offerte in corso e promozioni riservate solo ai nostri clienti? Allora non devi far altro che inserire il tuo nome e la tua email nello spazio sottostante. Non invieremo spam! Promesso.

Richiedi preventivo

Send this to a friend